fbpx
yogurt al cane

Si può dare lo yogurt al cane?

Ti è capitato di voler condividere lo yogurt che stavi mangiando con il tuo cane o il tuo gatto e chiedendoti se fosse una cosa giusta da fare.

Oppure, in caso di feci non perfette del tuo animale, ti è venuto in mente di dargli un po’ di yogurt.

Ma si può dare lo yogurt al cane? E’ utile?

Scopriamolo insieme.

Cos’è lo yogurt?

Lo yogurt è un prodotto a base di latte ottenuto dalla fermentazione dell’acido lattico. La fermentazione è un processo di conservazione degli alimenti antico quanto l’uomo e mira a prolungare la durata di conservazione e migliorare la qualità sensoriale e nutrizionale di cibi e bevande.

Per la preparazione dello yogurt vengono inoculati in genere il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus, che servono a far partire il processo.

A volte, allo yogurt vengono aggiunti altri probiotici, creando i famosi yogurt probiotici.

In genere, quelli maggiormente utilizzati, sono Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Lactobacillus lactis, Bifidobacterium bifidum e altri ceppi batterici brevettati dalle singole industrie alimentari.

I batteri responsabili della fermentazione lattica dello yogurt non superano la barriera gastrica, i probiotici aggiunti invece sì.

Quindi uno yogurt normale, comune, non ha effetti probiotici (MA HA TANTISSIME ALTRE PROPRIETA’ BENEFICHE).

yogurt per cani

Che differenza c’è tra probiotici e fermenti lattici

fermenti lattici o batteri lattici sono batteri in grado di produrre acido lattico partendo dalla fermentazione del lattosio. Non è una definizione precisa, fa riferimento solo alla loro capacità di fermentare il lattosio.

I probiotici invece sono, per l’OMS, microrganismi che si dimostrano in grado, una volta ingeriti in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo.

Il termine quindi non si riferisce a una caratteristica tassonomica, ma fa riferimento a una funzione microbica che microrganismi, anche diversi tra loro, sanno compiere.

Anche i probiotici per la maggior parte producono acido lattico, ma a differenza dei batteri lattici rimangono vivi all’interno dell’organismo, si replicano ed esplicano le loro attività metaboliche.

I fermenti lattici, invece, una volta ingeriti in genere non sopravvivono al passaggio nello stomaco. E questo al di là del fatto che possano esplicare o meno proprietà benefiche.

Probiotici o yogurt probiotico?

Gli integratori che possiamo acquistare in farmacia contengono spesso gli stessi ceppi degli yogurt probiotici.

Il ministero della salute ha fissato la quantità minima di fermenti vivi in grado di garantire benefici per l’organismo a un miliardo di batteri vivi (per ogni singolo ceppo). Questa cifra è rispettata nelle preparazioni farmaceutiche, mentre per gli yogurt non possiamo essere sicuri che il quantitativo riportato in etichetta sia quello che poi troviamo all’apertura (la carica batterica diminuisce via via che si avvicina la scadenza, il freddo non è sempre costante…).

I prodotti farmaceutici invece sono stabilizzati e resistono quasi tutti agli sbalzi termici.

lo yogurt fa male ai cani

Lo yogurt fa male ai cani?

Assolutamente no. In genere piace tantissimo e possiamo somministrarlo in piccole quantità, anche quotidianamente.

Dobbiamo fare molta attenzione che sia senza zuccheri aggiunti (bisogna controllare sul retro nel cartellino), non alla frutta ma bianco.

Se il nostro animale è intollerante al lattosio è opportuno scegliere quei prodotti che non lo contengono.

Yogurt magro o intero?

Molti preferiscono dare lo yogurt magro pensando che sia la cosa migliore. In verità i nostri animali non ha nessun problema con i grassi, anzi, li utilizzano alla perfezione.

Quindi via libera allo yogurt intero, sempre nelle giuste quantità.

Yogurt al cane con diarrea

Se pensi che lo yogurt sia una soluzione alla diarrea, potresti essere in errore.

Per l’integrazione di probiotici, in caso di diarrea, piuttosto dello yogurt è meglio affidarsi a prodotti controllati e di buona qualità, con dosaggi non inferiori ai 10 miliardi per ceppo.

Immagina quanti yogurt con probiotici si dovrebbero mangiare al giorno per avere questi dosaggi: non è davvero fattibile!

Yogurt o kefir?

Il kefir è di gran moda negli ultimi anni, soprattutto tra i barfisti.

La storia dei latti fermentati accompagna l’uomo fin dall’antichità, almeno da quando iniziò ad allevare il bestiame. Il clima caldo e la microflora lattica faceva coagulare il latte nelle otri trasformandolo in un latte fermentato acido che poteva conservarsi per più tempo.

Il kefir oggi si può fare con base di latte (vaccino, ovino, caprino) ma anche a base di latte di riso, di soia, di cocco.. Alla bevanda scelta si aggiungono i grani di kefir, i kefiran, che si moltiplicano durante la fermentazione diventando sempre più numerosi ?

Esiste anche il kefir d’acqua, la cui fermentazione avviene tramite piccoli grani ricchi di lieviti e batteri .

Il kefir è un’ottima fonte di probiotici, in particolar modo quello casalingo o artigianale. Infatti gli starter dell’industriale presentano meno variabili rispetto a quelli artigianali producendo una bevanda con meno ceppi di probiotici.

Ma, come per lo yogurt, non è una bevanda magica: il cane può mangiarlo anche quotidianamente, in piccole quantità, ma quando c’è la necessità di un’integrazione di probiotici è meglio affidarsi ad integrazioni più specifiche.

Vuoi sapere quanto yogurt può mangiare il tuo cane o il tuo gatto o vuoi conoscere quali integratori probiotici sono più adatti a loro?

Contattami per una consulenza

Condividi questo articolo su:
Immagine predefinita
Chiara Dissegna

Medico Veterinario Omeopata

Master di I livello in Nutrizione e Alimentazione del cane e del gatto
Master di II livello in Alimentazione e dietetica clinica del cane e del gatto

Articoli: 51